Caponata siciliana, un pezzo di storia culinaria isolana in un unico piatto.

Tra tutti i piatti della cucina siciliana, sicuramente la caponata spicca per ll suo numero in continua crescita di varianti. La protagonista, comunque la si fa è sempre la melanzana, con cui prepareremo la caponata siciliana, oggi conosciuta in tutto il mondo.

Ma come nasce la caponata

LE ORIGINI

Sulle origini di questa pietanza esistono molteplici ipotesi ,

Si pensa che derivi dalla lingua Greca  dal temine “Capto”,  che tradotto è il verbo tagliare, in quanto tutti gli ingredienti sono tagliati a pezzi.

La seconda ipotesi è che Il nome derivi dal latino “Caupona”, ossia osteria: luogo in cui i marinai si fermavano per rifocillarsi con questa meravigliosa pietanza.

L’ipotesi che più sembra aver fondamento , è che Il nome derivi dal termine “Capone” (Lampuga in italiano): si tratta di un pesce presente nel Mar Mediterraneo, che veniva utilizzato nei pranzi di gente facoltose,neltempo sostituito col ben più economico ortaggio la melanzana,

Alcune versioni siciliane della caponata.

In Sicilia esistono diverse versioni vediamone alcune.

Nell’agrigentino si cucina con melanzane, peperoni, pomodori, cipolle, sedano, olive verdi, olive nere, capperi, aceto, miele, zucchero, aglio, olio, peperoncino, basilico pinoli o mandorle, uvetta.

A Trapani, invece, con   melanzane, peperoni, olive, cipolle, pomodori maturi, capperi, aceto, zucchero e mandorle tostate.

Nel territorio catanese,  melanzane, peperoni gialli e rossi , olive, cipolle, capperi, aceto, zucchero vengono aggiunti a volte basilico, aglio e patate.

La versione messinese e quella palermitana,si assomigliano molto l’unica differenza è la presenza di pomodoro pelato nella prima, e passata di pomodoro o concentrato nella seconda.

Alcuni la fanno con carciofi.

Insomma c’è nè per tutti i gusti.

Vediamo la versione palermitana.

INGREDIENTI

  • 3 melanzane ovali nere
  • 200 g di olive verdi
  • 100 g di capperi dissalati
  • 3 gambi di sedano
  • 2 cipolle
  • 150 g di concentrato di pomodoro
  • 100 g di zucchero semolato
  • 1 bicchiere di aceto di vino bianco
  • q.b. di olio di oliva extravergine

Procedimento

  1. Tagliate le melanzane a la cipolla , e friggetele in abbondante olio caldo e lasciatele asciugare su carta assorbente
  2. Dopo aver tagliato i gambi di sedano sbollentateli. e rosolateli nella padella dove avete precedentemente fatto appassire la cipolla.
  3. Aggiungete le olive verdi tagliate , e i capperi precedentemente dissalati
  4. Concludete la preparazione aggiungendo il concentrato di pomodoro, lo zucchero, l’aceto e un bicchiere di acqua. Lasciate cuocere per circa  30 minuti.
  5. A cottura ultimata aggiungete le melanzane fritte gia fritte, per qualche minuto . (3 min)

 

Lasciate raffreddare a vostra scelta. Si gusta al meglio ,tiepida su un buon pezzo di pane di ” casa”

a voi la scelta.

ultima modifica: 2019-03-15T13:56:32+00:00 da eatsicily

Spedizione Gratuita in tutta Italia

Pagamenti Sicuri

Assistenza clienti via chat