Pasta alla brontese,una delizia da leccarsi i baffi !!

Per preparare la pasta al pistacchio per 2 persone, tipicamente cucinata nel comune di Bronte ti occorrono:

  • 200 gr di pasta corta ,meglio se di grano duro.
  • 30 gr di granella di pistacchio (ovviamente di Bronte)
  • 50 gr di pancetta affumicata, o in alternativa di speck
  • 50 gr di panna da cucina
  • uno scalogno o cipolletta
  • mezzo bicchiere di brandy o vino bianco
  • olio extravergine d’oliva
  • sale quanto basta

Hai tutti gli ingredienti? In linea di massima, quello che potresti non avere è la panna da cucina, o il pistacchio.

Il primo ingrediente è reperibile in qualunque supermercato, o bottega. Nel caso del secondo ingrediente, invece, potresti avere bisogno di cercare un po’ meglio. Oppure puoi optare per della normale granella di pistacchio.

Ma se solo avessi la possibilità di scegliere, ti suggerisco, ad occhi chiusi, di optare per l’originale granella di pistacchio di Bronte. La ragione te la spiego subito.

Il motivo è tutto nel sapore. Se non hai mai assaggiato questo prodotto DOP, non saprai mai la vera differenza. Ma cercherò brevemente di motivare la mia scelta, con alcune informazioni a sostegno della qualità eccelsa di questo frutto.

La Pistacia, è una pianta di origine persiana, che vive dai 200 ai 300 anni. Cresce molto lentamente e riesce a produrre frutti solo dopo circa dieci anni dal suo innesto.

I pistacchietti, a Bronte, si coltivano prevalentemente su quasi 3.000 ettari di terreno lavico, roccioso, con uno strato arabile molto limitato, poco adatto all’agricoltura e non facilmente accessibile.

È per questo motivo che la raccolta del pistacchio è del tutto manuale. Il terreno lavico ha sempre impedito l’introduzione di qualunque tipo di meccanizzazione. Di conseguenza, esistono elevati costi di produzione.

Ancora oggi, le uniche macchine utilizzate in qualche azienda sono il decespugliatore, la motozappa e qualche motopompa di ridotta potenza.
Rimane imprescindibile la fatica del contadino, l’opera della zappa, di rastrelli, falce e pompa d’irrorazione a spalla.

Quella di Bronte viene ritenuta, tuttavia, la pianta che fornisce le migliori produzioni, resistente alla siccità e che produce un minor numero di frutti vuoti. E non è un caso, ma il risultato di un lavoro di generazioni di brontesi.

Il pistacchio è un po’ la metafora dei brontesi, gente che non ha paura della fatica, che ha sempre lottato per portare a casa il necessario.

Il suo colore, di un verde smeraldo acceso, la forma allungata e il sapore molto aromatico, rende il prodotto riconoscibile rispetto a quello di provenienza americana o asiatica, dai semi rotondi e di colore giallo, meno uniformemente verdi e spesso giallastri a causa di condizioni climatiche diverse.

Adesso che sai perché ho scelto questa preziosa granella, sei pronto a cominciare la preparazione. Metti la pentola sul fuoco e disponi gli ingredienti sul tuo piano di lavoro.

Prendi una padella antiaderente, in cui preparerai la salsa con cui condire la pasta. Sceglila capiente. A cottura ultimata, dovrai riversare tutto in padella.

Accendi il fuoco, a fiamma moderata, e aggiungi un filo d’olio e lo scalogno tagliato finemente.

Fai rosolare leggermente, aggiungendo poca acqua, affinché la cipolla non bruci. Tieni la fiamma bassa: la salsa alla brontese si cucina lentamente.

Dopo un minuto unisci la pancetta, o lo speck. Non appena sarà dorata, fai incontrare la pancetta con la granella di pistacchio di Bronte. Mmm…

A questo punto sfuma con mezzo bicchiere di Brandy. Se non hai questo liquore, puoi usare, in alternativa, del vino bianco.

Lascia evaporare il vino e, solo allora, aggiungi la panna da cucina. Se il condimento fosse troppo asciutto, aggiungi dell’acqua di cottura della pasta, in modo da ammorbidire il tutto e rendere il sugo più cremoso.

In alternativa è possibile anche usare della ricotta fresca di pecora. Io, oggi, ho usato la panna da cucina. In estate è meglio evitare la ricotta, che non è al top (se vivi in una località calda). Da settembre potrai provare anche la versione della pasta al pistacchio con la ricotta fresca. Non prima.

Suggerimento → come pasta utilizzare quella corta pennette eliche farfalle , consigliato grano duro o grani antichi siciliani come timilia.

Servi il tutto con una spolverata di pistacchio

Spolvera tutto con della granella di pistacchio a crudo.

Servirà a decorare il piatto, ma, ti assicuro, anche ad esaltarne il sapore, e la vista.

A tavola non si mangia solo con il palato, ma anche con l’olfatto e la vista. E la pasta alla brontese è un vero piacere sensoriale, per la vista, per l’olfatto e naturalmente per il gusto…Buon appetito !!

ultima modifica: 2019-03-11T17:09:36+00:00 da eatsicily

Spedizione Gratuita in tutta Italia

Pagamenti Sicuri

Assistenza clienti via chat